venerdì 30 gennaio 2015

TAHAR BEN JELLOUN



nato a Fèz il 1 Dicembre 1944 è uno scrittore, poeta e saggista marocchino, tra gli autori più conosciuti in Europa. Noto principalmente per i suoi scritti sull'immigrazione e il razzismo.



 

« Non incontrerai mai due volti

assolutamente identici.

Non importa la bellezza o la bruttezza:

queste sono cose relative.

Ciascun volto è simbolo della vita.

E tutta la vita merita rispetto.

È trattando gli altri con dignità

che si guadagna il rispetto

per sé stessi. »

 
Qui si consuma la disfatta delle parole

Qui si consuma la disfatta delle parole

la bilancia le ha pesate

l'aria le ha ripulite

la mano le ha ordinate

il libro le ha raccolte

in un gruppo di famiglia ispido

dove le lingue sciogliendosi litigano

dove i poeti ubriachi, in estasi

strappano con le penne il velo

sceso dal cielo

a coprire come una maschera la verità.  

Tahar Ben Jelloun

11 commenti:

  1. il poeta quando parla dei volti non identici come espressione di vita intende soffermarsi sull'unicità della vita stessa....fatta di individui che proprio per la loro unicità meritano pari dignità....,

    mentre 'la disfatta delle parole'si sofferma su quanto possano essere relative le parole...e falsare la storia e la verità dell'individuo stesso e che è compito del poeta gettare la maschera ingannatrice.....


    un forte abbraccio

    RispondiElimina
  2. Un autore notevole, che nei suoi scritti ha affrontato argomenti validissimi e di grande attualità
    Grazie, dolce Stefania, per questa interessante "chicca d'autore", buon venerdì e un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  3. Grazie Stefania, di avermi fatto conoscere questo straordinario poeta.
    I versi incantano per la loro chiara semplicità.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Versi che devono far riflettere.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  5. Fra le due poesie ho apprezzato maggiormente la seconda, non so perchè ma la disfatta delle parole è un concetto bellissimo, che mi ha colpito molto.
    Baci

    RispondiElimina
  6. Eccomi qui a leggere questi profondi e realistici versi del suddetto autore.
    Un abbraccio e buon fine settimana
    Rakel

    RispondiElimina
  7. Avevo sentito parlare di lui ma ti confesso che non ho letto nulla. Grazie per aver colmato questa mia grave lacuna. Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che splendidi pezzi d'arte poetica.
    Non lo conoscevo, grazie Annamaria, ora cercherò di sapere qualcosa di più su di lui...
    Mi hai proprio colpita!
    Baci.

    RispondiElimina
  9. Ciao Stefania,
    sai, non conoscevo Tahar e devo dire che mi ha colpito molto, mi piace il suo modo di scrivere.
    Vedi, adoro il mondo dei blogger proprio per questo, per lo scambio culturale che nella vita reale è più complesso , mentre qui ognuno apre un mondo all'altro.
    Un abbraccione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  10. Sono le emozioni che donano in grado di rendere innumerevoli parole attimi di grazia...poesie di grande bellezza, profonde. Grazie Stefania

    RispondiElimina
  11. Scusatemi ho saltato di rispondervi... ma ringrazio tutti di cuore per vostri commenti e l'apprezzamento per questo poeta, che ho scoperto anch'io da poco. Sono contenta di avervelo proposto. Vi abbraccio tutti e grazie ancora.i.

    RispondiElimina