venerdì 3 aprile 2015

Via Crucis

Formelle Via Crucis-Normandia

(a Sant'Anna di Stazzema)

Quante volte ancora
dovrai morire
quante volte
Signore
cadrai sotto i colpi
della ferocia
che guida la mano dell'uomo?

Nella madre
che l'urlo muto impietrì
davanti alla furia omicida
Nel vecchio che annegò nell'impotenza
l'istinto di difendere i suoi
Nella giovane che barattò con la vita
l'innocenza perduta
Nel bambino
che chiude negli occhi innocenti
lo stupore della morte
Nell'uomo
impiccato al palo della luce
che pagò a caro prezzo
il sogno della libertà

O Signore
vittima eterna
il tuo Sudore nell'Orto
bagnerà all'infinito
l'ara sacrilega del mondo?
(tratta dalla raccolta Poesis)
EDDA PELLEGRINI CONTE 

6 commenti:

  1. Raffinatezza incredibile in versi che lasciano trapelare illa misura del sacrificio di Gesù
    Sempre bello leggere le tue proposte poetiche, Stefania, un sorriso per te,silvia

    RispondiElimina
  2. Cara Stefania, questi versi ci fanno capire il vero sacrificio di Gesù Cristo!!!
    Ciao e buon venerdì santo cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Versi delicati che rappresentano il sacrificio di Nostro Signore sulla Croce per tutti noi!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris
    Lascio gli auguri per una Santa Pasqua lieta e serena!

    RispondiElimina
  4. Credo proprio che nostro Signore morirà ancora tante tantissime volte per noi. Buona Pasqua a te e a chi ami

    RispondiElimina
  5. Ciao Stefania,
    scusa l'assenza ma ho problemi con la rete internet ho la connessione due secondi e poi sparisce e quindi commentare e visitare gli altri e un impresa.
    Hai scelto dei versi profondi e belli che tra l'altro non conoscevo.
    Ti abbraccio e auguro a te e naturalmente anche ai tuo cari una felice Pasqua

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti, contraccambio di cuore gli auguri, serenità e pace a tutti voi. Vi abbraccio.

    RispondiElimina