mercoledì 24 gennaio 2018

A mia madre

"Come una volta mi darai la mano."
(da Madre -Giuseppe Ungaretti)
Vorrei... vorrei poggiare ancora
il volto sulla tua spalla
carezzare quel lembo
di bocca che perse un giorno
il suo sorriso migliore.
Vorrei che il tuo cuore
si facesse culla delle mie pene
il mio petto confortante
nido per i tuoi pensieri.
Cancellare le ombre
che lasciasti
sul sentiero dolente.

Ma per quanto ti cerchi,
chieda di te al vento, all'acqua,
alle stelle della sera,
mi abbeveri alla polla
del desiderio
non trovo risposte
ai miei richiami.

Forse un giorno ti scoprirò
nella sagoma 
di una nube nel cielo 
o nel bagliore dell'ultima stella.
O forse dovrò attendere
di oltrepassare
la soglia del tempo
ma ti troverò e sarà per sempre.
©Stefania Pellegrini

TUTTI I DIRITTI RISERVATI ALL'AUTORE
Lorenzo Di Credi
La madre
E il cuore quando d'un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d'ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.

In ginocchio, decisa,
Sarai una statua davanti all'eterno,
come già ti vedeva
quando eri ancora in vita.

Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti
dicendo: Mio Dio, eccomi.

E solo quando m'avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.

Ricorderai d'avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.
Giuseppe Ungaretti

19 commenti:

  1. Versi che trasmettono forti emozioni.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania ... : ) E' così dolce e ... lei leggerà
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Marinetta, chissà... può darsi che tu abbia ragione.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  3. Una preghiera poesia bellissima e vera, complimenti, Stefy.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensieri e ricordi che aprono una breccia al desiderio, Sinforosa.
      Ti ringrazio, ciao

      Elimina
  4. Ciao Stefania,bellissima la tua poesia,parole per un bellissimo ricordo di chi c'era.
    Di Ungaretti,forse un grande poeta,ma a me le sue liriche non sono mai piaciute.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio, ho accompagnato la mia poesia con questa di Ungaretti perchè leggendola di seguito alla mia mi dava l'idea di una continuazione al mio pensiero. Ti ringrazio molto per l'apprezzamento.
      Un caro saluto.

      Elimina
  5. Versi intensi,struggenti e pregni di sincero rimpianto. La ritroverai senz’altro e per sempre.Ma lei è già lì accanto a te a incoraggiarti nel tuo nuovo illuminato percorso,a darti tutto quel sostegno che per ritrosia e pudore non è riuscita a trasmetterti nelle ore di vita.Mi hai commosso davvero e sono sicura che Lei sarà felice di questo e orgogliosa di te.Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie per le belle parole. Tu hai la conoscenza dei fatti per comprendere. La mamma non ha avuto una vita lunga, purtroppo. Il destino si è accanito con lei togliendole, togliendoci, presto, molto di quello che avrebbe potuto essere, e questo è un grosso rammarico. Un abbraccio

      Elimina
  6. Mi piace molto la tua poesia e mi ha commosso al ricordo pure della mia mamma....grazie..ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie tante per la lettura e comprensione.

      Elimina
  7. Quegli affetti carissimi, che pulsano sempre in noi e creano, l'illusione
    di poter riabbracciare chi ci sta a cuore
    Versi molto apprezzati, buona serata e un abbraccio, dolce Stefania,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è un filo sottile che ci tiene uniti a questi affetti e ci aiuta ad andare avanti senza di loro. Ti ringrazio, cara Silvia. Un abbraccio

      Elimina
  8. La tua poesia è bellissima, anch'io ho perso mia madre e capisco i tuoi sentimenti, che sono anche i miei. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo, mi dispiace per la tua mamma, purtroppo anche questo fa parte della vita. Anche se è doloroso, dobbiamo farcene una ragione.
      Un saluto a te.

      Elimina
  9. Una bella emozione leggere la tua poesia.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Versi emozionanti e malinconici che parlano al cuore! Sono ricordi preziosi che a volte dolorano di più, specie negli anniversari. Buona serata Stefania e un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. " Forse un giorno ti scoprirò nella sagoma di una nube nel cielo
    o nel bagliore dell'ultima stella"
    Queste tue bellissime parole, rappresentano quel canto ancestrale che ci lega alle persone che amiamo per sempre, oltre il tempo, oltre la nostra consapevolezza della fine
    Un grazie sincero per questo tuo bellissimo e dolcissimo dono
    Adriana

    RispondiElimina