mercoledì 25 novembre 2015

Sono una donna

Artemisia Gentileschi

Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mani.
Nessuno, nessuno sa
quando ho fame quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e quel che seguirà è una tempesta.

Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e io avvengo.

Hanno costruito per me una gabbia affinché la mia libertà
fosse una loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera prima e dopo di loro,
con loro e senza loro
sono libera nella vittoria e nella sconfitta.
La mia prigione è la mia volontà!
La chiave della mia prigione è la loro lingua
ma la loro lingua si avvinghia intorno alle dita del mio
desiderio
e il mio desiderio non riusciranno mai a domare.

Sono una donna.
Credono che la mia libertà sia loro proprietà
e io glielo lascio credere
e avvengo.
Joumana Haddad 


"Mi sento sollevare e poi scaraventare a terra, il mio viso si spacca sul marmo bianco. Faccio uno sforzo disperato per alzarmi, ma Rachid mi tiene ferma con tutto il suo peso. Lui aumenta la pressione intorno al collo, poi ricominciano a piovere colpi, rapidi, violenti. E' finita, sento che la vita mi abbandona. Perdo conoscenza."  (da "Sfigurata" di Rania Al-Baz)

A Rania Al - Baz , la giornalista televisiva dell'Arabia Saudita ridotta in fin di vita dal marito, che ha osato denunciarlo pubblicamente sfidando tutte le leggi mussulmane e a tutte le donne coraggiose come lei, che hanno trovato, che trovano  la forza di denunciare il loro carnefice, perchè questi atti possano verificarsi sempre meno...fino a scomparire.


17 commenti:

  1. parlarne oggi #25novembre per parlarne ogni giorno, poiché il rosso sia un colore bello, come è bella la donna, non sia invece una tonalità della violenza, dell'abuso, del dominio. #stopfemminicidio oggi e ogni giorno. Grazie Stefy per questi testi pregnanti di temperamento, contro ogni violenza.
    Un caro saluto
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, che non venga mai meno la voce, che non venga meno la forza e la determinazione a denunciare......denunciare sempre questi abusi alla libertà della donna. Ciao, grazie.

      Elimina
  2. C'è tanta intensità in queste parole e tanta forza. Intensità di vivere.
    Un caro saluto cara Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Carla per la tua presenza e partecipazione, ben tornata.

      Elimina
  3. Versi che fanno riflettere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parola della poesia ha la forza, spesso, di farci riflettere...perchè a suo modo è denuncia. Ciao e grazie.

      Elimina
  4. Versi di particolare intensità, e osservazioni significative, in un giorno dedicato alla violenza sulla donna, che sembra non aver mai fine....
    Felice sera e un abbraccio, Stefania, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Silvia per l'apprezzamento rivolto a questi versi pregni di significato e di forza. Un abbraccio.

      Elimina
  5. Un post molto intenso per un problema che non sembra avviarsi verso una soluzione. Quella della violenza sulle donna è una piaga di una società considerata "civile" ma che di civile non ha proprio niente.
    BUONA SERATA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già..purtroppo è così!! Ogni giorno, persino questo giorno è stato macchiato da uno di questi delitti ignobili...una violenza davvero che non ha fine...ciao, grazie.

      Elimina
  6. Cara amica,la violenza sulle donne è uno dei crimini più turpi,io come ammonisce un vecchio adagio non percuoterei una donna nemmeno con un fiore,ma la violenza che è soprattutto violenza famigliare nasce quasi sempre dalla scelta sbagliata del proprio uomo,uno non diventa violento ma è violento di natura e alla prima avvisaglia al primo spintone o al primo schiaffo bisogna troncare ogni rapporto e denunciare,mentre moltissime donne maltrattate nella nostra civilissima Europa,in ossequiodi un malinteso senso dell'amore si lasciano maltrattare per anni nel silenzio e nella sottomissione.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi dici, purtroppo non posso che condividerlo amaramente..la tua anali è perfetta...molte donne scambiano certi atti di violenza per troppo amore, altre non trovano il coraggio di denunciare per ritorsioni, (il timore di perdere i figli per esempio) o per paura o per sottomissione giungendo a pensare di meritarsi tali trattamenti. Crimini così, se non giungono all'estremo, non vengono puniti...e la catena non si spezza, purtroppo. Ti ringrazio Fulvio per la partecipazione. Un caro saluto

      Elimina
  7. Quanta verità Stefy mia, e questo femminicidio che sembra decolli sempre più invece di indietreggiare, e questa tua lirica che hai postato così toccante , vera , attuale..
    Grazie , grazie per tutto..
    Un bacio serale !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, un grazie sentito a te per la tua sentita partecipazione. Un abbraccio.

      Elimina
  8. Cara Stefy , scomparire ? Purtroppo ci credo poco , in questo Mondo che diventa sempre più violento .
    Posso solo dire : Donne , denunciate i vostri aguzzini !!!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo ottimista...vero? Ci sono desideri che restano utopie...ma certamente concordo con te. La migliore lotta è la denuncia....Ciao grazie.

      Elimina
  9. E' una gabbia che va abbattuta quella in cui ancora oggi alcune donne sono rinchiuse e ogni denuncia degli abusi che subiscono è un colpo che indebolisce sempre di più questa maledetta struttura.
    Un abbraccio Stefy e buon fine settimana !

    RispondiElimina